Breaking

Sistema moda in confusione: il fashion system è allo sbando

FASHION-OLOGY / NEWS / OUTFIT / 6 marzo 2016

Sistema moda in confusione. Sì, il fashion system è allo sbando. E non solo sul versante Americano. La democratizzazione della comunicazione di moda ha bruciato le tappe e anche un bel pezzo di magia nel rapporto tra consumatore e brand. Per molti marchi è successo proprio quello che accade nelle relazioni amorose:

se dai tutto e lo dai subito perdi di interesse” (nel lungo periodo)

Perché la comunicazione è tutto e niente al tempo stesso. Perché l’offerta è tanta e anche a poco prezzo. Certo, i volumi di pubblico coinvolti nella vita delle Maison sono grassi ed eccitati, ma di fatto, probabilmente, questi fattori non sono poi così determinanti in termini di vendite. Sopravvive chi ha un’identità forte e riconoscibile, chi si rinnova senza dimenticare il passato, chi sa fare senza svendersi per la popolarità, chi sa dare e togliere al momento giusto. Ecco perché la New York Fashion Week è sull’orlo del baratro, la competizione con la tradizione delle eccellenze Europee è diventata insostenibile, per non dire non paragonabile e la foga di vendere impellente. Così Oltreoceano cambierà tutto, per molti. Con le collezioni in season si cercherà di battere sul tempo le vendite della concorrenza e con l’orchestrazione di strategie di marketing ancora più “insolenti” si tenterà di ingolosire i”modanti”. Se per alcuni si tratta di una necessaria evoluzione correlata ai voleri dei consumatori,  per Karl Lagerfeld “it’s a mess“,  è  “the end of everything”. (K.Lagerfeld per Business of Fashion)

Il NON EXPEDIT dei rappresentanti dei big del lusso Europeo, infatti, è categorico. Il comitato esecutivo della federazione francese della moda liquida le possibilità di accelerare il sistema avanzando il pericolo di uccidere la creatività. François-Henri Pinault, PDG di Kering è irremovibile: le sfilate di moda continueranno a esistere mesi prima come catalizzatori di desideri, desideri che si alimenteranno solo grazie al fattore di “attesa” (fonte fashionmag.com).

Ma se il capitolo see now- buy now è diventato argomento principe di dibattito, a mio parere c’è anche qualcosa di più oscuro che sta facendo barcollare le fondamenta delle grandi Maison. Ricordiamoci che anche la Fashion Week di Parigi non sembra brillare di luce propria come da copione. Dior e Lanvin, entrambi patrimonio storico dell’Alta Moda Francese, sono guidati da pseudo-fantasmi. Se argutamente i creativi del primo si trincerano nella tradizione, per il secondo l’esito è confusionale. La stampa accoglie Lucie Meier e Serge Ruffieux e respinge Chemena Kamali e Lucio Finale. Io, francamente, rigetto entrambi. E me ne frego dei video su instagram, della diretta, del bello e del moderno. Sarò ingenua, sarò pazza, ma

un marchio senza direttore creativo riconoscibile è come un film senza regista:

semplicemente NON ESISTE.

La gente ha bisogno di idoli, prima che di vestiti. Il designer è una figura troppo importante per passare inosservata dietro una collezione di lusso. Per questo c’è già Zara. Qui si sta parlando di griffe, di sogni! E i sogni venduti a caro prezzo devono essere ineluttabilmente sacralizzati da un’entità superiore. Un’entità carismatica, anche giovane, ma in grado di raccogliere l’eredità della Maison divenendone la sua personificazione.

Ai nostri giorni i seguaci della moda non sono più dei pellegrini come accadeva negli anni Cinquanta del secolo passato, non hanno cioè più davanti una meta precisa, un canone estetico ben delineato, una grammatica dalle regoli mutevoli ma temporalmente certe, essi sono ormai dei nomadi, senza una meta, […] e procedono nel mondo della moda con l’andatura zigzagante di coloro che vanno erborizzando. Si vive ormai in una società-mode dove le uniche cose non griffate sono le confezioni del sale da cucina.*

L’invenzione della moda, le teorie, gli stili, la moda, M. Baldini, p.9, Armando Editore, 2015, Roma

Siamo drogati-guidati dalle etichette e, a maggior ragione nel settore del lusso, non si può non considerare come fondamentali le figure che rappresentano le case di moda. Il marchio di lusso ha bisogno di eleggere il suo demiurgo. Le Maison hanno il dovere e  la necessità di far conoscere ai discepoli i loro illuminati rappresentanti, unici e magnifici elargitori di bellezza e novità. Senza questi, le Maison rischiano di diventare affascinanti come delle scatola di sale da cucina. Poi voi pensatela pure come volete.

 

sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellinosistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino sistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellinosistema moda in confusione, sistema moda 2016, cosa succede nella moda, pigiama zara, come si indossa il pigiama per uscire, lace top zara, pijama chic zara, theladycracy.it, outfit blogger primavera estate 2016, fashion blog italia, fashion blog, fashion blogger italiane, elisa bellino

Sistema moda in confusione, fashion editorial:

Pigiama” Zara, shoes: Mango


Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,



Elisa Bellino




Previous Post

Le scarpe più brutte della nuova stagione? Eccole

Next Post

Chanel sfilata 2016: #FrontRowOnly ecco la collezione autunno inverno





You might also like



34 Comments

on 6 March 2016

Wow che bello questo look, questo trend non è molto facile ma a te sta benissimo, poi questo completo è elegantissimo! Baci

on 7 March 2016

Mi sono innamorata del tuo top!! Bellissimo, davvero complimenti!

http://www.chezmadeleine.it

on 7 March 2016

You look amazing!
xx

on 7 March 2016

E’ così: la gente ha bisogno di idoli!
Questo pigiama è di uno chic inenarrabile… sei sempre avanti!
Kisses, Paola.

Expressyourself

My Facebook

on 7 March 2016

Sei semplicemente chic, femminile e sensuale con questo look. Complimenti!
Kiss kiss Silvia
“Se fuori piove…..noi sogniamo da Terranova Kids” nuovo post ora su http://www.littlefairyfashion.com

on 7 March 2016

Adoro questo completo do zara ti sta benissimo.detto questo concordo e discordo in alcuni punti, quello che dici è vero ma ho fatto anche alcune considerazioni differenti in merito ma qui è troppo poco spazio. Mi piacerebbe parlarne a voce ma visto che non è facile magari scrivo qualcosa così facciamo un dialogo on line!!:):) bacioni!!!
Paolasophia.blogspot.it

on 7 March 2016

Ma Zara quando ti prende come testimonial??? Strepitosa, non ci sono altre parole!
Un bacione! F.

La Civetta Stilosa

on 7 March 2016

strangola posso dirtelo ???? te lo dico !!!! IUNa strangola di classe. E poi che espressioni : Bravissima http://unconventionalsecrets.blogspot.it

on 7 March 2016

no va beh cuore..sei una meraviglia! mi sono completamente innamorata di questo outfit e delle foto!
UNICA!!!
un bacione cuoricina <3

http://www.thefashionprincess.it/

on 7 March 2016

a parte lo “chicchissimo” pigiama che corro subito a comprare,
Tesoro indetro non si torna.

La Moda (l’Alta Moda poi) è morta.

E’ morta quando il sistema ha fatto nascere prima il fast fashion e così il pubblico ha creduto che Patrizia Pepe sia un marchio e Liu Jo pure, poi hanno concesso a Zara di “crescere” in maniera esponenziale e persino i fashion editor importanti, la (lo) definiscono brand.
E infine la comunicazione, che è cambiata.

La moda è finita. Spacciata per sempre.

    on 12 March 2016

    i brand che hai citato sono brand a tutti gli effetti, brand può essere qualsiasi cosa, non c’entra con la mente unica dietro al progetto
    e questi brand non potrebbero esistere se non ci fossero delle idee che “arrivano dall’alto” cioè dell’alta moda
    detto questo l’alta moda esiste e si contano sulle dieci dita i clienti affezionati, un tempo c’erano le sartine oggi c’è Zara, non è che sia cambiato molto 🙂

on 7 March 2016

Il primo look con un completo pigiama che mi fa rimanere a bocca aperta!!!
Baci baci
Eli
http://www.blackstarstyle.com

on 7 March 2016

Stupendo questo look, mi piace moltissimo il tuo completo e ti sta divinamente!
Buona giornata

Chiara – http://www.shesinfashionblog.com

on 7 March 2016

Stupenda!!!
Bellissimo look!!!
Buon inizio di settimana!
bacioni
Dili
http://milanotime.net/cuisine/recipe/polpette-di-verdure-vegetable-patties/

on 7 March 2016

madame Gabrielle sarebbe orgogliosa di TE!
Un po’ meno in effetti della moda ma per te standing ovation
http://nerose-accessories.blogspot.it/
B&M

on 7 March 2016

stupenda!!!!
http://befashion31.blogspot.it

on 7 March 2016

guarda delle case di moda come dior senza stilista io sono allibita – on ha senso e infatti le collezioni ne hanno risentito.
E poi per il resto sai già come la penso. Tu sei favolosa in questo pyjama…stavo per prenerlo anche io.
xxx
mari
http://www.ilovegreeninspiration.com

on 7 March 2016

Pazzesca, sia nelle parole che nel look.
Baci
http://www.mammachefashion.com

on 7 March 2016

Concordo con te anche se non so scrivere come te! Ma so comprare e quindi comprerò questo magnifico pigiama di zara, ma non mi starà come a te….

on 7 March 2016

La tua classe è notevole!
Complimenti Ely!!
Un bacione
Marina
http://www.sweetlavanda.it

on 7 March 2016

Wow! Love your style darling! So feminine and chic! And the glasses are divine! <3 xxx
Check out what's new on the blog:
http://www.mlleepaulette.com/index.php?r=site/blog

on 7 March 2016

Questo look è stupendo altro che pigiama . Baci

http://www.therosestrawberry.com

on 7 March 2016

che bella!! questa tendenza è spopolata ormai e io ne avevo un po’ di dubbi, ma vedendoti mi sono ricreduta!
un bacione

http://www.mammaaltop.com

on 7 March 2016

E’ cambiata la moda, l’alta moda e la comunicazione, si evolve tutto tesoro e noi non possiamo farci nulla!
bacioni
http://www.theshadeoffashion.com

on 8 March 2016

You look so fab! Love the all white outfit!
xx
Mademoiselle Coconath
http://mllecoconath.com

on 8 March 2016

You look lovely in all white!!

Tina
http://www.justatinabit.com

on 8 March 2016

Strepitoso questo look! Il pigiama di Zara è decisamente chic e tu lo indossi divinamente!
Baci
http://www.dontcallmefashionblogger.com

on 8 March 2016

Imparo sempre un sacco di cose dai tuoi post Eli!
Sei super chic con quel pijama, adoro la foto col giornale! 🙂
Bacioni
Martina
http://www.pinkbubbles.it
NUOVO POST

on 8 March 2016

troppo bello questo look, il top è meraviglioso

on 8 March 2016

Ogni volta che voglio leggere riflessioni interessanti e non banali sul mondo della moda, apro il tuo blog!
Detto questo, in total white sei uno splendore tesoro… definirti elegante è davvero poco!!

The Princess Vanilla

on 8 March 2016

Sei sempre più bella, questo pigiama su di te è strepitoso, ci vuole il fisico e ci vuole la classe per portarlo così ! Concordo con te al 100%, in una casa di moda il designer è fondamentale, deve essere una sorta di divinità, non potevi scriverlo meglio, ridurre l’alta moda solo a un fenomeno consumistico è sbagliato, si parla di vendere sogni…bellissimo articolo ! Baci

Fashion and Cookies – fashion blog

on 8 March 2016

Buon 8 marzo, Elisa, sei in splendida forma.
Stavo cercando il report originale di Kepler su Lvmh da mandanrti ma per ora non lo trovo, intanto ti giro questo pezzo, chissà se ti può aiutare:
http://www.milanofinanza.it/news/lvmh-titolo-in-volata-dopo-i-conti-201602031034418578

on 8 March 2016

Non è da tutti saper portare un completo così e tu ci sei riuscita alla grande!!
http://www.glitterchampagne.com

on 12 March 2016

se parliamo di Dior meglio i fantasmi che uno stilista capitato li per chissà quale motivo, mi riferisco a Simons, che non c’entrava niente e si capiva quanto fosse a disagio, per lui era un dovere non un piacere dirigere la maison, per quanto bravo non era in sintonia e difatti alla fine ha lasciato

io l’ho già scritto più volte, il sistema moda, parlando di alti livelli, è una brutta faccenda
per i piani “bassi” invece anche li produzione industriale, tessuti e finiture scadenti, poche idee, un’idea di moda consumistica e seriale

se volete promuovere una moda più consapevole e umana, dovete cercare piccoli brand, gente che lavora su piccola scala, con produzioni umane e idee uniche
non so in Italia quanti ce ne siano, in America per esempio è pieno di brand così, con una forte identità lontana dai meccanismi sia dell’alta moda che del fast fashion, bisogna imparare a guardarsi intorno, ad aprire lo sguardo, non dovete concentrarvi su ciò che NON va ma su quello che ha valore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Le scarpe più brutte della nuova stagione? Eccole

Le scarpe più brutte della nuova stagione. Dal Vangelo secondo Carrie Bradshow: There is no need to make excuses for how many...

3 March 2016