Breaking

Influencer Marketing: facciamo il punto della situazione

FASHION-OLOGY / NEWS / OUTFIT / 22 novembre 2015

Influencer Marketing: facciamo il punto della situazione

Influencer Marketing,una definizione. Quando si parla di I.M ci si riferisce a quella forma di marketing che si avvale del ruolo di alcune personalità autorevoli (in un settore ben definito), per divulgare contenuti. Questi personaggi, attraverso il loro lavoro sul blog e sui social diventano “ambassador” di quello che si desidera promuovere. Ho detto blog e social network, perché l’esistenza dell’uno non deve assolutamente escludere gli altri e viceversa. Se oggi si parla di comunicazione, non si può pensare che questa avvenga solo tramite uno o due social network. Il personal brandind dell’influencer deve obbligatoriamente declinarsi su tutte le piattaforme, nel modo più omogeneo e coerente possibile. Un’informazione sul blog sarà sempre reperibile con una ricerca su google, un post su facebook o ancora peggio un’immagine su instagram sarà destinata ad avere un ciclo di vita più breve, anche se, talvolta, con un maggiore impatto emotivo immediato. Senza contare i diversi tipi di pubblico, che per natura divergono per caratteristiche socio-demografiche e culturali da una piattaforma all’altra.

Influencer marketing. Come si fa?

Si fa, che si prende in esame un profilo il più possibile in linea con l’identità e i valori del marchio e si valuta la sua credibilità partendo dal blog, per passare poi attraverso le sue attività sui social. La credibilità viene fuori valutando diversi fattori: unicità, professionalità, rilevanza, popolarità, ma prima di tutto, sarebbe bene considerare l’apporto qualitativo dei contenuti diffusi. I contenuti, infatti, per avere risonanza dovrebbero conciliare: attendibilità nei confronti del panorama informativo, creatività espositiva e carisma autoriale.

Influencer? Sì, ma i contenuti?

Ma perché i contenuti sono così importanti? Perché content is the king“?

Oggi, tutto in rete è assimilabile a contenuto. Le persone leggono contenuti, guardano contenuti, curano e aggregano contenuti, twittano contenuti, retwittano contenuti, cercano contenuti[…] Senza contenuti social, internet sarebbe identico a 20 anni fa.*

La tendenza in atto è far diventare i siti internet di brand e servizi, dei blog. O quasi. Ma perché i profili social dei grandi marchi sembrano ancora incapaci di sostenere un engagement soddisfacente? Me lo sono fatto un giretto sui vari profili facebook dei luxury brand nazionali e internazionali. Che dire, a parte qualche fuoco d’artificio in casa Chanel, Gucci, Dolce & Gabbana, Fendi, nonostante gli eserciti di like, l’ambientino è decisamente freddo e “asettico”. Questo, perché fanno ancora fatica ad accettare l’importanza di un content marketing nuovo e sottovalutano la figura del consumatore. Che non è più tale. Il prosumer (producer + consumer), va in cerca di gratificazione, di soddisfazione e di sicurezza. Non si limita più a fruire un’informazione o a compiere un acquisto. Ogni consumatore ha un ruolo nella comunicazione del brand: diffonde opinioni, condivide messaggi, interviene nei dibattiti delle community. E ça va sans dire, i contenuti che cerca in rete devono appagarlo, non solo tranquillizzarlo.

Ecco cosa scrive Simone Serni in proposito del “content marketing”

EMOZIONA O MUORI
I brand dovranno riuscire a comunicare e mantenere un rapporto con i clienti basato su emozioni e soprattutto divertimento. L’avvertimento e suggerimento che viene ancora da Micheal Brenner e’: “Siate divertenti o morirete. I brand dovranno far leva sulla natura umana dei consumatori cioe’ rendere le storie divertenti, emozionanti e accattivanti, solo cosi’ potranno sopravvivere”.

E per raccontare storie interessanti, facenti leva sull’umanità dei singoli non c’è miglior narratore che un consumatore vestito da cantastorie: l’influencer.

Influencer marketing. Ma perché dovrei preferire il ruolo dell’influencer alla vecchia figura del testimonial?

Prima di tutto, perché l’informazione veicolata dall’influencer-blogger (quello bravo eh) non viene percepita come una vera e propria “marchetta”, ma come un suggerimento al pari di quello avuto da un amico di vecchia data. Il messaggio, quindi, prendendo in prestito le vesti di un consiglio, abbatterebbe le soglie di resistenza del fruitore a cui vanno incontro i messaggi pubblicitari normali. In secondo luogo, perché l’influencer del caso (che non è Chiara Ferragni e similari, per intenderci) è una figura che vive una routine fatta di normalità. L’influencer non è una star e nemmeno aspira a diventarlo. L’influencer si impegna a rendere noto ai follower che bazzica nei loro stessi locali, mangia le stesse porcherie, al supermercato compra la carta igienica in offerta, insomma, la sua vita è uno specchio semi-finzionale, ma sincero della vita degli altri. Ed è proprio questo il plus che fa azionare l’identificazione e manda a buon fine il processo comunicazionale.

Conclusione. Questo spiegone per insistere su un mio vecchio cavallo di battaglia:

se hai deciso di fare il blogger, sappi che non esistono campagne informative-promozionali senza budget.

Ogni azione, anche una semplice condivisione su facebook è il frutto di un duro lavoro quotidiano su più fronti. E ai furbetti che vi contattano (ebbene sì, sono duri a morire) proponendovi scambi merce, scambi visibilità, scambi di coppia, fategli un piccolo corso di aggiornamento, perché il lavoro va pagato. Sempre che con onestà riteniate opportuno chiamare “lavoro” il vostro tempo impiegato su internet.

Quello che per il pubblico è un influencer, “un esperto”, uno di cui ci si può fidare, uno che stimiamo o che magari ci sta solo particolarmente simpatico, per l’azienda o l’agenzia è un brand. Sei ancora disposto a svenderti?

come si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italia, influencer marketing,influencer marketingcome si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italiane,come si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italia,influencer marketingcome si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italia,influencer marketingcome si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italia, winter look,influencer marketingcome si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italia,influencer marketingcome si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italia,influencer marketingcome si indossano le paillettes, theladycracy.it, hm paillettes, hm christmas 2015, cozy, look feste, elisa bellino, fashion blog italia,influencer marketinginfluencer marketing, come si indossano le paillettes, sequined skirt, knitwear zara, theladycracy.it, how to wear sequin

Fashion editorial

“Come si indossano le paillettes di giorno?”

Con un maglione e gli anfibi

Maglia: Zara ; Gonna paillette: H&M ; Anfibi: Bershka ; Cappello: Asos; Borsa: Benedetta Bruzziches

*Content evolution. La nuova era del marketing digitale, Franco Angeli Editore, 2015


Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,



Elisa Bellino




Previous Post

Cosa non deve mancare nell'armadio? Le statement sleeves

Next Post

Come si fa a non ingrassare senza soffrire?





You might also like



31 Comments

on 22 November 2015

ah tesoro lo sai che tu e Dania mi aveet aperto un mondo! e non smettero’ mi adi ringraziarti per questo! bella la mini
Mrs NoOne

on 22 November 2015

Il tuo punto di vista Elisa è sempre indiscutibile. Sarebbe bello se venisse metabolizzato da agenzie/brand ma va beh….comincio ad avere il dubbio che accadrà mai. Bello invece il mix paillettes/magione/anfibi. Un bacio e buon inizio di settimana,
Eni

Eniwhere Fashion
Eniwhere Fashion Facebook

on 23 November 2015

Come sei bella vestita così!

on 23 November 2015

Originalissima la borsa!
http://WWW.ANGELICHIC.COM

on 23 November 2015

love your skirt so much!! One of my most favorite of your styles!! U look pretty~

http://www.sweetsimpleday.com

on 23 November 2015

Un messaggio chiaro e diretto …. La tua bravura è indiscutibile
Bella la gonna tesor
http://unconventionalsecrets.blogspot.it/

on 23 November 2015

Quanto sei bella con questo look!!!
Bellissimo post che fa pensare…..kiss
“Glitter per un perfetto look casual.” ora sul mio blog http://www.littlefairyfashion.com

on 23 November 2015

CLAP CLAP CLAP CLAP!!! E anche standing ovation cuore..sei unica! Condividono ogni singola parola, ogni singolo pensiero! Questo articolo è da salvare e inviare quando fanno proposte “indecenti”!
Passando a te…gonna e borsa favolose…il fisico dove lo trovo??? Da urlo!!!
bacioni cuorina <3

http://www.thefashionprincess.it/

on 23 November 2015

Sono totalmente d’accordo Elisa…. basta con le proposte indecenti! LOL!
Figherrimo il tuo look, mi piace come hai reso urban la mini in paillettes!
Kisses, Paola.

Expressyourself

My Facebook

on 23 November 2015

Non posso che essere d’accordo tesoro, sai Quante volte abbiamo discusso di questo argomento.,,,
Tu sei stupenda e che fisico! Mi piace come hai sdrammatizzato le pailettes

Bacioni
Mywishstyle</a

on 23 November 2015

A grandi linee condivido anche se onestamente nell’imprenditoria, in qualsiasi settore, succede spesso di lavorare gratis, chiaramente nell’ottica di portare a casa in un futuro prossimo la ciccia. Potrei farti mille esempi. La differenza forse sta nello scegliere con molta attenzione a chi regalare il tuo lavoro, ma dato che è un discorso molto articolato e non voglio scriverti un post nell’area commenti concludo dicendoti che i maglionacci con le paillettes e gli anfibi mi fanno impazzire.
http://www.mybubblyzone.com/

on 23 November 2015

Ottima spiegazione, ottimo editoriale, ottima scelta del look….non so se hai capito…ottimo Elisa!
bellissima
http://nerose-accessories.blogspot.jp/
Buona lunedi
Barbara e Michela

on 23 November 2015

Completamente d’accordo con te, perché svendersi?????
Fantastico il look di oggi!!!!
Buona giornata!!!!

http://www.lagattarosablog.it

on 23 November 2015

I famosi storyteller … perchè le storie incuriosiscono e appassionano il lettore /consumatore.
Un bacione Elisa e buona settimana.
Ti ho sognata questa notte , pensa eravamo in un centro commerciale, dobbiamo andare a fare shopping insieme?

http://www.naylac.com

on 23 November 2015

“Il lavoro va pagato”, ecco ora me lo metto come firma automatica di ogni mail che mando!!
Ti sempre strepitosa, ma quella borsa rosa “gommosetta”?? Tutte tu le trovi!
Un bacione! F.

La Civetta Stilosa

on 23 November 2015

Sono assolutamente d’accordo con te. Il lavoro va pagato, la qualità va pagata. Mi pare talvolta di vedere personaggi molto esposti su tutti i social possibili con scarsi contenuti. Mi chiedo con quale reale effetto di comunicazione.
Molto bello il servizio fotografico, forse uno dei migliori che hai pubblicato 🙂

xoxo
http://www.bellezzefelici.blogspot.com

on 23 November 2015

Hai più che ragione cara!!! Il lavoro va pagato sempre e comunque!!! Purtroppo invece anche i brand più famosi tendono a sviare la cosa con la scusa che tu daresti un tocco di prestigio al tuo blog se pubblichi un articolo ( gratis ) per loro!!! Io mi sono un po’ rotta di questo sistema e a questi giochetti non ci sto!!!!!! Bellissima la gonna con paillettes !!!
http://www.glitterchampagne.com

on 23 November 2015

Posso dire che ti adoro? ahahah…. dovevo proprio farlo. Ottimo il tuo articolo, un manuale di come fare la blogger nei migliori dei modi. Brava. Poi scusami, una domanda, ho capito bene, anche scambio di coppia?ahahahah…. adoro la tua ironia. Fortissima, voglio comprarmi “La nuova era del marketing digitale”. Ma secondo me dovresti anche tu pensare a scrivere un libro, scrivi troppo bene. Uno è già venduto.
Maura
Oggi sul mio blog: Balmain X H&M, dipendenze e prove de rewind
http://www.stylistlowcost.com/

on 23 November 2015

Cara Eli pienamente d’accordo su tutto. E ti dirò di più, come riesci a spiegare bene ogni concetto anche alle più ignoranti in materia come me è fenomenale. Ho imparato molto oggi sai e ti ringrazio. Devo lavorare molto su di me, lo so, spesso mi demoralizzo ma i tuoi articoli inconsapevolmente mi danno la carica a riprovarci. Quoto Maura, dovresti proprio scrivere un libro.
Saltando di palo in frasca, foto bellissime e tu sempre di più! Mhuà! :*
Luna
http://www.fashionsnobber.com

on 23 November 2015

Ottime parole.

Riguardo l’outfit: amo la gonna!

Alice Cerea,
Baby what’s up

on 23 November 2015

Mi è piaciuto molto questo post, chiaro e diretto, scritto molto bene.
Quanto al look, da copiare.
Baci
http://www.mammachefashion.com

on 23 November 2015

Splendido post, mi trovo d’accordo su tutto e che è vero che i profili dei grossi Brand sono asettici mancano di coinvolgimento ecc. e molti trascurano il content marketing.
Il tuo look è splendido, la gonna è fantastica!
Alessia
THECHILICOOL
FACEBOOK
Kiss

on 23 November 2015

Bellissimo il tuo look. L’influencer marketing è attualmente una delle strategie più efficaci per un brand. L’abilità è
nello scegliere quelle personalità che per know how e capacità creative e narrative siano in grado di portare un valore aggiunto alla comunicazione di marca.
Un abbraccio
Marianna
http://www.heelsallure.com

on 23 November 2015

bellissimaaa! adoro questo look! amo le gonne con le paillettes e mi piace da morire come l’hai abbinata! quel cappello è favoloso, ne ho uno simile!
un bacione cara
vale
http://www.fashionneed09.com

on 23 November 2015

Colpito e affondato…..riesci sempre nella giusta maniera pungente a dirle fuori dai denti…brava e bellissimo look!

http://www.drunkofshoes.com

on 23 November 2015

Gorgeous outfit, and it looks beautiful on you! I love the skirt and the sweater!

xo, Esther

http://bubblesther.com

on 24 November 2015

Hai perfettamente ragione Elisa. Non bisogna svendersi perché questo ‘lavoro’ anche se spesso messo tra virgolette, è un impiego ed un impegno a tutti hli effetti e come tale deve essere riconosciuto, senza.giochetti e senza giri intorno! Purtroppo al giorno d’oggi, in cui i blog.sono davvero tanti, è difficile fare la differenza e.quindi altrettanto difficile farsi.notare e rispettare anche dai brand o chi per tali.

Un bacione, bellissimo outfit molto originale ;)!!

Monica & Tatiana.
Ambitionofstyle.blogspot.com

on 24 November 2015

Hai ragione da vendere Elisa!! Mi piacerebbe assumerti come avvocato quando devo discutere con i brand di questo argomento!! 🙂
Sei stratosferica con questo look! W le paillettes e i luccichini anche di giorno!
Bacioni<3
Martina
http://www.pinkbubbles.it
NUOVO POST



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Cosa non deve mancare nell'armadio? Le statement sleeves

Cosa non deve mancare nell'armadio di una fashion addict? Una maglia, una blusa, una camicia, un paltò, insomma, quello...

19 November 2015