Tag: nuove tendenze moda 2017

Nuove tendenze moda 2017: l'hanno definita "moda modesta". Le scollature scompaiono, le proporzioni sfumano, il corpo si nasconde, ma ci piace davvero? Nuove tendenze moda 2017: ho sentito parlare di moda modesta. La <strong><a href="http://edition.cnn.com/2017/03/08/fashion/the-modist-modest-fashion-online/index.html">CNN</a></strong> lo ha descritto come un nuovo movimento globale culturale. Infatti, sembra che come hashtag il "modesto" vada forte su Instagram. <h2>"Le passerelle e la moda modesta" , che strizzano l'occhio anche al mondo musulmano</h2> "Modesto", in chiave poetica: moda che sublima la femminilità e le sue forme in suggestioni di luci e ombre, di bianchi e neri, di stratificazioni e trasparenze, ma sempre "innocue". <h2>Moda modesta, sensualità annientata?</h2> Non proprio, in teoria, piuttosto, discreta, concettuale (e da qui ci si riallaccia anche al prorompente ritorno del fascino per il <strong><a href="https://www.theladycracy.it/2017/01/01/rei-kawakubo-a-new-york-il-2017-e-lanno-della-catarsi/">minimalismo</a></strong>). Un capitolo di "<strong>decostruzione</strong>" e/o<strong> disintossicazione</strong> necessario per risanare una flotta di tendenze moda indisciplinate e "<strong><a href="https://www.houzz.it/ideabooks/53747882/list/tendenze-i-10-principi-dello-stile-massimalista">massimaliste</a></strong>", che da troppo tempo correvano a briglia sciolta nella più ostinata e volgare ricerca dello spettacolo popolare- seriale. E va tutto bene, a patto che il "modesto" non sconfini in una sorta di <strong>progressiva "castrazione del femminile"</strong> necessaria. Necessaria, poiché indotta dalle circostanze pericolose in cui si muove il <em>gentil sesso debole</em> di questi tempi. Perché le donne sarebbe meglio che continuassero a scegliere il proprio stile vestimentario a proprio piacere, come libera espressione delle proprie ambizioni e della propria personalità, <strong>non per necessità</strong>. <strong>Non per paura.</strong> Ma siamo proprio sicure di possedere ancora <strong>questa libertà</strong>? O forse stiamo già indossando delle "<strong>divise</strong>" illudendoci solamente di essere padrone del nostro quotidiano e delle nostre azioni? <h2>Una cosa è certa: la società umilia e discrimina ancora troppo spesso il nostro genere</h2> Sappiamo molto bene, infatti, quanto sia difficile e retrogrado il contesto contemporaneo in cui ci muoviamo(se non sei aggiornata, per esempio, fatti un'idea qui "<a href="http://www.fanpage.it/se-non-urli-non-e-uno-stupro-la-sentenza-che-umilia-le-donne/">Se non urli non è uno stupro</a>"), pertanto, sarebbe un vero peccato se queste nuove tendenze moda, in realtà, non fossero altro che un subdolo tentativo per <strong>"addomesticare" la donna ad un nuovo stile di vita</strong>.