Breaking

New York Fashion Week settembre 2018: il sogno, diventa incubo

FASHION-OLOGY / NEWS / 15 settembre 2018

New York Fashion Week settembre 2018: il sogno, diventa incubo

New York Fashion Week settembre 2018. Ok, anche a questo giro, New York ha avanzato la pretesa di poter contare qualcosa nella creazione di quell’ermetico sogno collettivo che è la moda contemporanea, ma dato che qui non ci sente nessuno oserò riportare la mia versione della faccenda senza fare uso improprio edulcoranti chimici.

Anche se di articoli, post, repost ecc. se ne sono sprecati fin sopra le aspettattive (d’altronde  tra stampa, amici e parenti, questi invitati agli spettacoli, le dovevano ben spendere due parole o no?) la kermesse non regge il titolo.

No, nonostante le vagonate di mezze verità, panzane e frottole di cui è imbevuto il mondo dei media, la tragica decadenza di New York come capitale della moda è evidente. E anche se “non c’è niente di più ingannevole di un fatto evidente” come dice Arthur Conan Doyle, più avanzano i mesi, più la situazione sembra irreparabile.

C’è chi sfila a giugno, chi vola a Londra, chi non si presenta o ancora peggio si ripresenta, chi scompare, insomma, non c’è pace per quella New York che annaspa in un ricordo patetico di quello che fu Vogue America, il Diavolo veste Prada e Sex and the city.

New York non riesce a trovare un posto rilevante nell’immaginario collettivo.

E se tra i più attesi front-row ci sono Rodarte e Proenza Schouler, rimpatriati dopo aver affrontato l’ambizioso”tour” Parigino ancor più ricchi di idee deprimenti, allora, lo scenario si svela alquanto critico e sciatto.

New York fashion week 2018. La densa pesantezza del vuoto

Cacofonica e sgraziata, ecco la moda da New York. Una moda dove il sogno Americano, svelatosi in tutta la sua più torbida finzione, cede il passo all’incubo di Raf Simons ( Calvin Klein), se non altro, onesto nel tratteggiare l’angoscia di una realtà fatta a brandelli attraverso cliché culturali tipicamente Statunitensi.

E pensare che quello che ha avuto più successo sui social è stato Ralph Lauren, che rimesso a nuovo dopo la volgare trovata dell’anno scorso (la sfilata è avvenuta nel suo garage tra Lamborghini, Ferrari, Bugatti, giusto per non ostentare), quest’anno ritenta l’autocelebrazione con la scusa del 50esimo anniversario della casa di moda. Chissà se si è reso conto che nel 2018 di Ralph Lauren non vorremmo nemmeno più un asciugamano da bidet?

Iperboli di tessuti, uso sgradevole dei colori, accostamenti improbabili di ricami e stampe, esasperazione delle proporzioni: c’è tanto, troppo e di tutto.

Gli untori del cattivo gusto sembrano affannati, stanchi e dannatamente irrilevanti

In un famelico patchwork di idee, culture, citazioni i designer decidono di “abbondare” per nascondere un vuoto ispirativo imbarazzante, scandaloso. Da questa parata di nonsense mi sentirei di salvare solo le gemelle Olsen, che in tutto il loro insipido pudore, con coerenza si trincerano nella loro cella puntando tutto sulla ricerca di tessuti e sulla più saggia via della rinuncia allo spettacolo popolare.

La verità è dura da ammettere, ma altrettanto lapalissiana: la crisi della settimana della moda di New York è una protuberanza maligna del vischioso tracollo editoriale di Condé Nast (nel particolare di Vogue America) e dei suoi vari rappresentanti. L’allontanamento o la perdita di potere dei vari matusalemme che un tempo imponevano il gusto mediocre delle Americhe al resto del mondo è stato cruciale e questo è solo l’inizio.

 

Calvin Klein ss 2019, new york fashion week settembre 2018

Calvin Klein ss 2019

Rodarte ss 2019, new york fashion week settembre 2018

Rodarte ss 2019

Michael Kors ss 2019, new york fashion week settembre 2018

Michael Kors ss 2019

new york fashion week settembre 2018, proenza schouler ss 2019

Proenza Schouler ss 2019

new york fashion week settembre 2018, the row ss 2019

The Row ss 2019

Marc Jacobs ss 2019, new york fashion week settembre 2018

Marc Jacobs ss 2019

immagini Businessoffashion.com


Tag:,



Elisa Bellino




Previous Post

Fashion editorial | 70s | No text

Next Post

Fashion editorial | Civico 3 | No Text





1 Comment

on 18 September 2018

Quanto cattivo e brutto gusto in queste creazioni!
Nuovo post “Tips for shopping FW18: sneakers bambina e bambino” ora su https://www.littlefairyfashion.com



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Fashion editorial | 70s | No text

Blazer: Jil Sander vintage, Polo: Mango, Pantaloni: Zara, Scarpe: Zara, Borsa: JW Anderson ...

11 September 2018