fbpx

Brutto e brutte figure: la Wintour è imperdonabile

Brutto e brutte figure: la moda è una roba brutta.

Il reiterato successo da social del “Coachella style” insegna quanto la gente abbia bisogno di cose brutte per essere felice. Insegna che la moda ha successo anche se è una poracciata. Che il mondo necessita dei Kardashian, dei tronisti, della demenzialità, perché il palesarsi del brutto è la panacea più efficace contro la carenza di autostima.

Fruire, consumare e convivere con il brutto mette al riparo l’uomo medio dalla riflessione sulle proprie debolezze e mancanze.

Ma la verità è che questa cosa non anima circoli virtuosi. Non si è mai punto a capo, ma punto a capo e sempre un po’ peggio di prima. Eppure a volte succede l’inaspettato, accade che la tolleranza al cattivo gusto esploda in faccia a chi cerca di più o meno candidamente di avvelenare i cervelli.

Brutto e brutte figure: lo chiamavano politically (in)-correct. La rete è sempre all’erta quando si toccano “certi valori”.

Se la scorsa settimana sul patibolo dei social era salita Franca Sozzani intenta ad assecondare un’operazione di marketing a dir poco inaccettabile per promuovere la nuova edizione di Convivio, oggi tocca a Madame Wintour. La Madama occhialata, forse sotto acidi, ha deciso di spararla grossa proprio davanti alle telecamere durante il programma notturno condotto da Seth Myers. Non contenta di aver speso tempo e parole su Vogue riguardo uno spettacolo dell’assurdo, come solo Kanye West sa fare, la Madama ha continuato nel resoconto scivolando nell’inferno. Quando “i soldi danno alla testa“, si dice, eccovi “Condé Nast ai tempi del colera“. E della crisi.

Ecco cosa non si fa per racimolare qualche pubblicità facile su Vogue, ecco cosa si fa per imbonirsi la simpatia dei potenti big spender, anche se creatori di immondizia. Siccome i folcloristici Kardashian & Co., sono famosi in quanto ricchi (ma ricchi ricchi) e siccome, per le major della comunicazione e dell’editoria si presentano come un grande tacchino da spolpare il giorno del ringraziamento, la Madama occhialata non poteva non trovare uno spazio migliore per un po’ di “pubblicità occulta” in diretta nazionale. E pensare che sarebbe stato uno straordinario “product placement” parlare della moda e del nuovo album di Kanye West tra una risata e l’altra.  Un vero peccato cadere su quel piccolo particolare del “migrant chic“. Ebbene sì, ridendo e scherzando l’ha detto.

L’ingenuotta Madamin, invece di farla breve su quella che è stata una PORCATA MOSTRUOSA architettata da MOSTRI ancora più terrificanti, ha avuto il coraggio di definire la sua moda da “emigrato elegante“. Chiaramente il putiferio sui social non si è fatto attendere troppo. Una vera onda social-sismica che rimarrà negli annali insieme alla faccina da criminale della Wintour. Il Diavolo veste Prada, ma per davvero.

Sì, se n’è parlato in abbondanza. Ma badate bene che popolarità, quindi tam tam mediatico, non è indice di successo. Continuo a ribadirlo,perché è fondamentale capire che l’apprezzamento non è direttamente proporzionale alla “chiacchera”. In parole povere

non si vende se non c’è feeling e stima tra consumatore e brand (qualsiasi brand).

Insomma, Anna ha fatto un doppio casino. Pessima pubblicità a Vogue e altrettanta per Kanye West.

Come parla! Come parla! Le parole sono importanti. Come parla!

Nanni Moretti, Palombella Rossa

E’ vero le parole sono importanti, a maggior ragione in momento di insofferenza e di malessere sociale come quello vissuto oggi. Non deve stupire che i social le si siano rivoltati contro. Il popolo sta sempre dalla parte dei più deboli, a maggior ragione quando vengono pronunciati “gli intoccabili“, e magari a sproposito. Li ho chiamati “intoccabili”, perché sono termini ad alto tasso emotivo, che possono ledere la sensibilità altrui danneggiando i diritti o mancando di rispetto al diverso e alle minoranze.

 Anna-Maria Antonietta viene presa a calci nel sedere.

La sua è un’uscita infelice e imperdonabile.

I personaggi pubblici devono rendersi conto che quell’ infinita varietà di tribù selvagge che popolano i social, non perdonano, e ,seppur legate intorno a interessi molteplici, sono accomunate da una sensibilità sempre più acuta riguardo tematiche “emozionali” come quelle sociali, morali e ambientali. Le scuse non servono. Perché sono arrivate eh, ma a chi importano?

Certo che fa strano doversi aggregare al coro di quelli che con tanta partecipazione definiscono la moda come un’insulsa Fiera delle Vanità creata da personaggi superficiali completamente scollegati dalla vita reale. Eppure, forse, hanno ragione loro, questa è solo l’altra faccia della moda, una faccia che passa attraverso uno sdegno e un disgusto necessario per raggiungere la completezza.

Sì, talvolta, la moda è proprio una roba brutta.

Immagine copertina via pinterest.com

 migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016, migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016, migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016, migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016, migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016,migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016,5 migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016, migrant chic wintour, theladycracy.it, brutto e brutte figure, elisa bellino, fashion blogger famose, top blogger italia, fashion blogger italia, fashion blogger italiane, fashion blog, fashion bloggers, tendenze moda primavera estate 2016, come si indossa la tuta, outfit primavera estate 2016, blogger outfit, fashion influencer, serapian bag, adidas stan smith, sneakers 2016, tuta mango ss 2016, make up dior estate 2016,

tuta e giacca: Mango

trucco Dior make-up ss 2016 by Davide Frizzi

26 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP