fbpx

Sfilata Dolce e Gabbana fw 2016: al di là della favola, ecco la morale

Sfilata Dolce e Gabbana fw 2016.

Si volteggia sulla nostra infanzia e si atterra giusto giusto un pelino più distanti dalla realtà. Quel tanto che basta per essere felici. No, il loro non è un vincere facile, è un vincere e basta. E con questa sfilata ci si dimentica persino dell’ultimo scivolone sulla famiglia ( v. Errori di marketing). Domenico e Stefano guidano le principesse alla ricerca della magia. E lo fanno nel modo più naturale e meraviglioso che ci possa essere: mai come questa volta lo spettacolo prende le sembianze di una mise en abyme vorticosa che si arrotola su se stessa a partire dal nostro immaginario più candido: quello fantastico. Dolce e Gabbana ci raccontano una favola e così facendo cadiamo vittima dell’incantesimo. Un incantesimo che

elimina dal concetto di lusso i connotati più peccaminosi trasformandolo in intrattenimento gioioso, tenero rigurgito di una fantasia infantile.

dolce gabbana fall winter 2016 17, theladycracy.it, elisa bellino, dolce gabbana fall winter 2016-17, sfilate milano autunno inverno 2016-17,

immagine via tumblr.com

Sfilata Dolce e Gabbana fw 2016: ma il vero segreto di questo ultimo successo del Duo sta nell’idea di mettersi da parte. La dichiarazione d’intenti è forte e chiara, la si legge sullo sfondo della scenografia: “The princess was walking in the woods accompanied by Domenico Dolce and Stefano Gabbana“. Loro ci faranno da guida, ci aiuteranno. La loro abilità sarà a nostra disposizione.

Al centro della collezione ci siamo noi, noi pubblico.

Dolce e Gabbana non salgono sulla carrozza, no, non è il loro posto. L’ autocelebrazione, quella cosa a cui tanti stilisti dalla fama consolidata ci stanno abituando, bè, non gli interessa. Domenico e Stefano non sono altro che buoni servitori e il loro compito, oggi, non è solo imbastire desideri, ma rendere possibile il sogno. Un sogno che conosciamo molto bene, eco di una storia a lieto fine che, nonostante tutto, stenta a scomparire dal nostro inconscio.

La collezione autunno inverno 2016-17 di Dolce e Gabbana è un’epifania di bellezza fatta di gioco e leggiadria. Le bambole-mannequin avanzano lievi e perfette, anche quando scanzonate indossano le divise militari prese in prestito dai loro principi. L’apice del piacere visivo, però, si raggiunge con l’entrata in scena degli abiti stretti in vita spolverati luce, frange e colori tenui (rosa quarzo, bianco, blue serenity). Non ci sono scollature, ma grandi colletti gioiello, le spalle vengono rinforzate, talvolta con l’uso di soffici sbuffi sui cui si posano grandi rose. La vita viene sempre sottolineata per slanciare la silhouette, mentre i capispalla cocoon avvolgono, proteggono e sbocciano rigogliosi divenendo involucri trapuntati di fiori tridimensionali. E davanti a tanto splendore i nostri occhi brillano di entusiasmo come quelli di un bambino davanti ad una stanza piena zeppa di giochi nuovi.

dolce gabbana fall winter 2016 17, theladycracy.it, elisa bellino, dolce gabbana fall winter 2016-17, sfilate milano autunno inverno 2016-17,

immagini via tumblr.com

Moda e narrazione. Un connubio necessario per creare engagement. Al di là dello show Dolce&Gabbana, anche in questa Milano Fashion Week la discriminante fatale e fattuale atta a determinare il successo di un evento è stato il fattore “narrabilità“. Ce lo ha confermato Gucci che con A.Michele da sempre lavora moltissimo sulla transmedialità della narrazione e ce lo ha dimostrato Prada che con il suo gioco di premonizioni, ha avuto più successo di tutti su Instagram.

L’uomo potrà sempre fare a meno del lusso, ma avrà sempre bisogno di ascoltare delle storie.

Storie per ricordare, storie per immaginare, storie per imparare, storie per avvicinare, storie per andare e ritornare.

Storie per comprare.

23 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TOP