Breaking

Chanel sfilata 2016: ecco perché Karl vince su tutto e decolla

FASHION-OLOGY / NEWS / 6 Ottobre 2015

Chanel sfilata 2016Interno giorno: aeroporto Chanel.

Come di consueto, il film di Karl è fatto solo di comparse. Le modelle che fanno il check-in e corrono all’imbarco con trolley e borsette, come le hostess e gli stewart, sono solo parte di un marchingegno fantastico atto a rinverdire di novità la solita mitopoiesi della Maison più seguita di sempre. La protagonista è Chanel: la collezione spring summer 2016 di Chanel. E instagram va in tilt.

Chanel sfilata 2016. Come definire questo spettacolo, perché spettacolo è fare la moda oggi (anche se ancora c’è chi si meraviglia del fattaccio)? Forse impressionante? Esagerato? Immenso? Commerciale? Pop? Tutto quello che volete, ma non parlatemi di banalità. Perché la moda è un essere vivente e come tale si evolve con le persone. La moda è sociale, viene dalle persone e si adatta alle stesse. Fatevene una ragione. Se nel 1978 erano in una trentina i silenziosi scribacchini compiaciuti ad assistere al debutto del ready to wear firmato Chanel, oggi i “messeri” della stampa devono mettersi in testa che c’è il mondo intero connesso per assistere all’evento in presa diretta. Ne consegue che, venendo meno il compito “semi-divino” della stampa nel divulgare al popolo le novità, oggi, chi è a capo di una Maison ha, non solo l’incarico, ma il dovere di rendere il messaggio immediatamente comprensibile, apprezzabile e condivisibile dalla maggior parte della popolazione. Così, alcuni giornalisti, non contenti della situazione incalzano spiegoni raccontandoci fesserie inconcepili riguardanti l’ennesimo successo di Karl.

“E’ troppo divertente, troppo bello, quindi è scontato”.

Che fa tanto commento da bar, obsoleto e insignificante. Un po’ come quel fastidioso pregiudizio affibbiato alle belle, che “se Gesù ti ha dato la beltà, sicuramente ha risparmiato sulla materia grigia“. Intanto, oh voi angeli incontaminati dall’abbruttimento sociale e dai virus (o dal virale) della comunicazione contemporanea, oh voi grandi dispensatori di saperi e sibilline verità, ricordatevi che

l’utile di Chanel nel 2014 ha fatto registrare una crescita record del 38%. Fatalità?

Detto questo, come ricorda Harper’s Bazaar, è nell’indole di Karl Lagerfeld dimostrare la grandezza del marchio di cui si fa portavoce con eventi impressionanti. E se negli anni ’90 il focus era incentrato sulla popolarità della modella, oggi è la scenografia a veicolare la grandiosità della Maison. E se vogliamo ammetterlo un aereo l’aveva pure piazzato in passerella durante la collezione Resort del 2008. Oggi, però, il contesto è completamente diverso. Se il viaggio è la colonna sonora della collezione ss 2016, il movimento è il leitmotiv di ogni singolo capo. Texture ruvide e severe si incontrano e scontrano con volumi ariosi fatti di chiffon e tulle trovando il loro giusto equilibrio. Le donne di Karl dell’estate 2016, arrivano da tutte le parti del mondo, sono scanzonate, seriose, glamour e moderne. Fiere della loro autonomia, hanno bisogno di praticità e adattabilità. Con le loro ciabatte illuminate, sono pronte a catturare l’attenzione di tutto il popolo femminile mondiale. Imperversa la stratificazione (pantaloni + gonna)indossata con disinvoltura e grazia, ritornano i tailleur lineari e superbi, ci sono gli abiti foulard a cascata, i coordinati “bubble gum” plasticosi e poi tutta la passione per la ricchezza dei dettagli. Un bagno di luce fatto di cristalli, applicazioni e riflessi multicolor, che danzano indefessi nonostante la notte dark di gonne e pantaloni serali.

Chanel sfilata 2016: concludo rispondendo ad un articolo che ho letto ieri, citando paro paro il dizionario.

Banale= convenzionale, scontato. Da non confondere con POP = qualsiasi manifestazione artistico-culturale rivolta alla massa. Karl è un mostro di genialità pop. Se era così facile perché nessuno l’ha pensato prima ?

 

chanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015, scenografia chanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015, - chanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015Chanel Fashion Show, Ready to Wear Collection Spring Summer 2016 in Parischanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015, layering chanel chanel sfilata 2016, chanel airlines, chanel ss 2016, pfw, chanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015, fashion week 2015, fashion blogger italiane chanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015, fashion week 2015, fashion blogger italiane chanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015, fashion week 2015, fashion blogger italiane chanel sfilata 2016, theladycracy.it, elisa bellino, fashion blog italia, paris fashion week sfilate 2015, fashion week 2015, fashion blogger italiane

immagini via tumblr.com


Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,



Elisa Bellino




Previous Post

Volersi bene: ecco perché è così importante

Next Post

Quando la coppia scoppia: diario di una mamma per bene





You might also like



24 Comments

on 6 October 2015

Sapevo Che ti avrei stuzzicato e caricato con l’articolo Di fb!!!
Standing ovation
Condivido tutto!!!!
Ogni Volta ti superi ,
Mitica Ely

Kisses diamond

Mywishstyle

on 6 October 2015

Sai cosa ti dico tesoro? lascia che parlino, che critichino, che lo trovino pop, scontato e banale!
Chi ha avuto pregiudizi e commenti negativi nei confronti di questo spettacolo non comprende il genio di quest’uomo! Perchè se è così banale un aeroporto non l’ha fatto prima qualcun altro?
L’aeroporto sarà anche un luogo “comune”, ma Karl è stato in grado di renderlo orignale, speciale, spettacolare e patinato!
Io dico Si al genio Karl!
un bacione
http://www.theshadeoffashion.com

on 6 October 2015

bellissimo articolo!:)
paolasophia.blogspot.it

on 7 October 2015

Una collezione stupenda, di influenze varie, globale. Credo che la idea dell’ aeroporto la rapresente in pieno e non poteva essere diverso questo show. E si oggi li chiamiamo show, non possiamo aspettarci una semplice sfilata, non da Chanel. E poi se per non essere “banale” dobbiamo vedere zaine umani, stiamo freschi… Viva lo spetaccolo vero, fatto di vestiti meravigliosi e si questi vestiti passeggiano nel aeroporto di Karl, almeno a me diverte e riempi gli occhi di cuoricini.
Maura
http://stylistlowcost.com

on 7 October 2015

Questo modo di fare spettacolo mi piace ….. I contenuti ci sono , re Karl (come lo chiami tu ) no fa spettacolo per nascondere la povertà dei contenuti ….. Ma è solo un nuovo veicolo di comunicazione che poi rende il 38% d’aumento di fatturato !!!
TOp
Articolo stupendo ELi
http://unconventionalsecrets.blogspot.com.es/

on 7 October 2015

Tu sai bene quanto sia d’accordo sulla comunicazione virale, io stessa, per comprendere meglio il fenomeno, ho aperto il blog, poi ci ho preso gusto, ma questo è un altro discorso, e quindi sai bene quanto approvi lo show mandato su Instagram e i blogger invitati, anche da CHANEL.

Ma credo che la comunicazione stia fagocitando le collezioni e la moda stessa, e il tutto sta diventano sempre più uno spettacolo, dove “vince chi spara più forte”, al di là delle collezioni.
Nessuno di quelli che si sono entusiasmati alla sfilata di Chanel ha osservato per davvero i capi con attenzione, ma tutti d’accordo ed entusiasti dello spettacolo di Chanel Airlines.

E Karl è certo un genio, perchè come hai scritto tu, dall’alto della sua veneranda età, ha compreso che per essere il più forte e soprattutto per tenere alta la fama del brand più famoso al mondo deve necessariamente mettere in atto lo “spettacolo più esplosivo”. E lo fa benissimo infatti.

Solo questo.

on 7 October 2015

Condividono pienamente quanto detto da Maria Katia, uno spettacolo esplosivo..DEVE!
Che poi con tra aeroporti, hostess ecc con me sfonda una porta aperta proprio!
La collezione, invece, così così… de gustibus! 😉
Ottimo articolo come sempre cuore,
bacioni <3

http://www.thefashionprincess.it

on 7 October 2015

Sicuramente Chanel è su un livello superiore rispetto a tutti gli altri! Collezione e show pazzeschi che non deludono mai le nostre aspettative!
Baci
Laura
http://laurastylefiles.blogspot.it/

on 7 October 2015

Io l’ho trovata una collezione fantastica, in tutto, e come dici tu se era tanto scontato perché nessuno l’ha fatto prima? L’ho trovato invece geniale, la moda è anche questo.
Un bacione! F.

La Civetta Stilosa

on 7 October 2015

e vabbè io quoto chanel, quoto karl e il suo spettacolo. A volta ciò che risulta semplice agli occhi dei più lo è solo dopo averlo visto.
sogno solo di vedere lo spettacolo dal vivo un giorno.
xxx
mari
http://www.ilovegreeninspiration.com

on 7 October 2015

Io penso che l’invidia sia sempre la bestia peggiore per dare fiato alla bocca. Perché trovare da ridire su questo spettacolo non può essere che quello. Quando non si arriva a pensarlo o farlo prima di altri è più facile criticarlo piuttosto che ammettere una genialità. A me è piaciuto da morire e finalmente qualcuno che si degna di fare qualcosa di diverso, ben studiato ed originale. Karl the best! 😀
Bacio bellezza un articolo magnifico! :*
Luna
http://www.fashionsnobber.com

on 7 October 2015

“scontato” non mi pare per niente il termine adatto… se proprio qualcuno vuole disprezzare o esprimere il proprio dissenso sulla collezione credo sia libero di farlo ma quanto meno lo faccia utilizzando argomentazioni appropriate! no? 😉

on 7 October 2015

Io l’ho trovata una cosa geniale nonché una collezione stupenda!!!
http://www.glitterchampagne.com

on 7 October 2015

A me sono piaciuti molto gli abiti, a dir la verità non ho avuto tempo di seguire la sfilata, ho visto solo foto. bellissime. Kiss Lucy http://www.tpinkcarpet.com

on 7 October 2015

La sfilata mi è piaciuta molto, trovo che ci siano spunti divertenti, interessanti, innovativi anche per i tessuti. Karl mi piace e capisco perché fatturato e utile volino 🙂

xoxo
http://www.bellezzefelici.blogspot.com

on 7 October 2015

Karl vince, sempre e comunque!

Alice Cerea,
Blog di Alice Cerea

on 7 October 2015

Sicuramente è la sfilata più social, quella che più è stata condivisa, twittata, “selfata” permettimi
il neologismo … Concordo totalmente con te, tutto questo rumore perché si è parlato tanto e bene di
questo show e nel fashion ci sono molti “radical chic” che come dici tu, amerebbero essere ancora
i detentori del sapere, i tempi sono cambiati, e tutti dobbiamo adeguarci … Bel post!

XoXo
Mary
New Post-> http://www.modidimoda-mapi.blogspot.it/2015/10/una-stanza-dalbergo-una-capsula-del.html

on 7 October 2015

io l ho trovata un’idea geniale per presentare la collezione che tra l’altro ho apprezzato molto!
http://www.alessandrastyle.com

on 7 October 2015

ottimo articolo Eli. Io personalmente l’ho trovata una bella collezione, oltre che ben confezionata. Mi piacciono i look, mi piacciono i colori e mi piacciono gli accessori. Lo spettacolo qui è carico di contenuti.
un bacio
Eli
http://www.blackstarstyle.com

on 7 October 2015

Karl come ti avevo già detto in un articolo che gli hai dedicato lo adoro , per me è un genio , ha capito tutto del mercato sa come vendere e come non sottostare e innovare il settore fashion …. che dire la sfilata è stupenda e gli abiti dire che sono favolosi è un insulto . Buona serata , baci .

on 7 October 2015

Awesome collection s/s 16! I love the patterns and colors! Nice selection Eli!
xx
cvetybaby.com

on 7 October 2015

Stunning collection! Inspiring post!

http://MARTASFASHIONDIARY.com

on 9 October 2015

Dico solo che avrei voluto esserci!! Magari con te Eli!!
D’accordissimo con te!
Bacioni
Martina
http://www.pinkbubbles.it
Nuovo post

on 10 October 2015

OMG!! Le uniche parole uscite di bocca: come si fa a dire banale??? Una delle sfilate più maestose e dalla location più suggestiva. Sicuramente la fantasia di Karl va ben oltre l’immaginabile e se pur semplice, solo lui forse avrebbe potuto. È un genio e le sue risorse sono infinite. Si merita tutti i complimenti e gli attributi positivi perché geni così nell’alta moda, forse da Coco e Christian Dior non se ne vedeva uno.
Complimenti sempre per i tuoi articoli perché riesci ad esprimere tutto in modo impeccabile e con un linguaggio fornito e adatto. Brava!!!

Un bacione, Monica &Tatiana.

Ambitionofstyle.blogspot.com



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Volersi bene: ecco perché è così importante

Volersi bene è importante, perché è il primo passo per vivere nel migliore dei modi. Vivere, non sopravvivere, come spesso...

6 October 2015